Antillo ricorda il Sindaco Natalino Bongiorno

Inserito da Marco Paratore | Sezione antillonotizie, Archivio

Antillo ricorda  il Sindaco Natalino Bongiorno Nel giorno del decimo anniversario della morte del Rag. Natalino Bongiorno, Sindaco di Antillo dall’11 luglio 1983 al 27 maggio 2002, l’Amministrazione Comunale ha voluto rendere un sincero e sentito omaggio alla figura di uomo e personaggio politico di Questo Nostro Illustre Concittadino. Per l’occasione si è riunito il Consiglio Comunale in una seduta straordinaria tenutasi nei locali della palestra comunale, davanti a un pubblico visibilmente commosso e ad una folta schiera di autorità, tra cui l’Assessore regionale Nino Bartolotta, l’On.le Filippo Panarello e numerosi sindaci e amministratori locali del comprensorio jonico. Dopo gli interventi del Presidente del Consiglio, del Sindaco e dei Consiglieri di opposizione Salvatore Smiroldo e Avv. Salvatore Muscolino, numerose sono state le testimonianze di quanti lo hanno conosciuto personalmente, condividendone, in varie occasioni, esperienze di vita politico-amministrativa e non solo. Particolarmente toccanti sono state le parole della figlia Angela che, a nome delle famiglie Bongiorno e Santoro, ha rivolto un commosso ringraziamento all’Amministrazione per l’iniziativa promossa, rimarcando con orgoglio il grande senso di umanità del padre e il suo immenso affetto per la famiglia. Ha concluso la serata uno spettacolo musicale offerto dalla “Messina Brass Band” diretta dal M° Giuseppe Paratore e la proiezione di una raccolta di immagini raffiguranti i momenti più significativi della carriera politica di Natalino, allestita per l’occasione dall’Assessore Simone Bongiorno e da altri appartenenti al Circolo del Partito Democratico di Antillo. Oggi, a dieci anni dalla drammatica e prematura scomparsa di Natalino Bongiorno, sintetizzare in poche righe quello che Lui ha rappresentato per la nostra Comunità, senza correre il rischio di cadere in una scontata retorica di facciata, è cosa indubbiamente non semplice, tanto più trattandosi di un Uomo concreto e pragmatico che, magistralmente e con la giusta autorevolezza, ha saputo reggere le sorti della nostra Comunità per quasi un ventennio. Certo è che la grande passione per la Politica, la sagace e lungimirante azione amministrativa, il rispetto convinto per l’avversario e soprattutto il vivo e attivo interesse per le fasce più deboli della società, hanno fatto di Lui un personaggio impareggiabile della storia di Antillo. Le doti di Natalino erano riconosciute anche dagli avversari politici, che hanno voluto testimoniare in questa circostanza le sue qualità di uomo e di politico, come si può evincere dai due passaggi tratti dal lungo e commosso intervento della prof.ssa Emilia Palella, che lo ha ricordato soprattutto come presidente del Comitato della Campana per la Pace dedicata ai Dispersi di tutte le Guerre: «… ci voleva coraggio allora ad assumere certe posizioni, lui, giovane sindaco, quel coraggio dimostrò di averlo. Con l’ideatore della campana furono e rimasero sempre avversari politici, ma furono avversari leali e corretti sempre, ebbero il massimo rispetto l’uno per l’altro, sapevano ascoltare e ascoltarsi, mediare se necessario, e quando si trattava del bene di Antillo non esitavano ad agire di comune accordo e non avevano l’abitudine di offendere o trascendere quando i loro punti di vista non convergevano……. Natalino aveva capito che la vera cultura è superamento, è ricerca, è dialogo, e ha come imprescindibile fondamento l’uomo, non solo come categoria concettuale ma come persona da rispettare nei suoi diritti, nelle sue aspirazioni e nella sua dignità.» A questo punto mi piace ricordare Natalino insieme a voi mentre, emozionatissimo, rivolge al Consiglio Comunale il suo primo discorso da neosindaco del Comune di Antillo. Era l’11 luglio 1983 e Natalino Bongiorno dava inizio alla sua lunga carriera di amministratore del nostro Paese esprimendosi con queste parole: “Ringrazio i colleghi di questo Consiglio Comunale che con il loro voto mi hanno conferito l’onore di coprire la carica di primo cittadino del nostro Comune. Ringrazio i cittadini che con il loro voto hanno consentito che il “Blocco Lavoratori Antillesi – Dio e Popolo” potesse democraticamente ritornare, dopo oltre 16 anni, all’amministrazione della cosa pubblica locale. Ringrazio l’amministrazione uscente per l’opera svolta nell’interesse del nostro paese e confermo l’impegno precedentemente assunto di portare avanti tutte le opere pubbliche che essa ha iniziato e che non ha potuto realizzare. Rivolgo un cordiale invito ai colleghi dell’opposizione perché, nel legittimo esercizio del loro insostituibile ruolo, vogliano sentirsi parte integrante ed indispensabile dell’amministrazione attiva del Comune, impegno che da tutto questo Consiglio Comunale dovrà essere continuamente espresso per la soluzione dei più urgenti problemi della nostra comunità. A nome di tutto il Consiglio Comunale esprimo un affettuoso saluto a tutti i cittadini antillesi nel nome e per conto dei quali noi tutti dobbiamo impegnarci a operare onestamente e responsabilmente per un intero quinquennio per potere realizzare non soltanto quanto è nei nostri più fermi e convinti propositi, ma anche e soprattutto quanto tutta Antillo da noi a buon diritto si attende”. Grazie Natalino per quello che con grande generosità hai fatto per il tuo Paese! Il Presidente del Consiglio Avv.to Marco Paratore

 

Annotazioni